Pilgrims visiting Itsukushima Shrine Miyajima JapanPilgrims visiting Itsukushima ShrineItsukushima Shrine is a Shinto shrine on the island of Itsukushima (popularly known as Miyajima), best known for its "floating" torii gate. It is in the city of Hatsukaichi in Hiroshima Prefecture in Japan. The shrine complex is listed as a UNESCO World Heritage Site, and the Japanese government has designated several buildings and possessions as National Treasures.

The shrine is dedicated to the three daughters of Susano-o no Mikoto, Shinto god of seas and storms, and brother of the sun goddess Amaterasu (tutelary deity of the Imperial Household).

https://en.wikipedia.org/wiki/Itsukushima_Shrine

Il Lolei Village e l' Angkor Legacy Academy

May 29, 2017  •  Leave a Comment

La Cambogia rimane uno dei paesi meno sviluppati del mondo, e si sta ancora riprendendo dalle ombre di un genocidio e di una guerra civile durata 10 anni. Molte persone vivono sull'orlo della povertà, con scarso o nessun accesso a cibo, servizi medici o addirittura acqua pulita. 

Nel villaggio di Lolei, situato nel comune di Bakong, a soli 14 km ad est di Siem Reap, la capitale turistica del paese, famosa nel mondo per il tempio di Angkor Wat, vivono quasi 329 famiglie e più di 2.000 persone. Qui un certo numero di organizzazioni e volontari locali sono uniti per aiutare i cittadini di questa comunità, tra cui l'Angkor Legacy Academy (ALA).

A Lolei c'è solo una scuola elementare che insegna la lingua Khmer e non ha competenze informatiche. Ci sono solo 5 insegnanti di stato che servono più di 500 bambini. La maggior parte delle persone è analfabeta e lavora nell'agricoltura o nel settore delle costruzioni.

L' ALA, fondata dal Sig. Sok Sovannarith nell'aprile del 2011, vede l'istruzione come strumento di potenziamento per liberare i cambogiani dalla povertà, e fornisce educazione gratuita a bambini provenienti da sfondi familiari poveri.

Le famiglie distrutte e divise della guerra hanno portato la Cambogia ad avere difficoltà a ricostruire la propria società. Riso, acqua e sali minerali integrati dalla raccolta di rane e formiche rosse sono la dieta principale per molti dei bambini della comunità di Lolei. Le madri che non sono in grado di produrre latte per i loro bambini sono costrette a nutrirli con l'acqua del riso bollito. La malnutrizione tra i neonati e i bambini porta un cattivo sviluppo e nel peggiore dei casi, la morte. Il programma alimentare ALA mira a fornire prodotti alimentari di base ai più bisognosi della comunità e le donazioni sono l'unica fonte di sostentamento per questo progetto.

L'ALA è un'accademia di beneficenza senza scopo di lucro che si sforza di potenziare la comunità attraverso programmi di istruzione e di sensibilizzazione. Attraverso l'istruzione e le norme di base per la salute e la sicurezza l'obiettivo è di ridurre le malattie e le lesioni prevenibili.

Il settore del turismo in Cambogia è una delle principali fonti di occupazione. Per lavorare nel settore, le competenze in inglese e di alfabetizzazione informatica sono essenziali. L'ALA ritiene che ogni bambino abbia il diritto ad una formazione gratuita e di alta qualità per consentire loro di ottenere lavoro in futuro. Con il supporto di volontari, fornisce gratuitamente l'insegnamento dell'inglese e per quanto possibile forniscono lezioni di computer ad ogni bambino di Lolei. Vogliono rendere l'accademia un luogo per sviluppare competenze utili per consentire alle persone di uscire dalla povertà.

 


IL TEAM ALA

 

Mr. Sovannarith Sok - E' il fondatore e direttore della carità. Prima di fondare ALA, era un insegnante d'inglese. È nato nel 1985, uno di 8, figlio di un contadino. Quando aveva 12 anni, cominciò a studiare in una scuola governativa. Ha completato le scuola superiori nel 2002. Successivamente ha frequentato l'Università Pannasastra di Cambogia e ha imparato l'inglese alla scuola cinese Roluos a Siem Reap. L'ambizione di Sovannarith è sempre stata quella di aiutare coloro che sono meno fortunati, specialmente quelli del villaggio di Lolei dove vive. Ritiene che l'istruzione sia fondamentale per aiutare le generazioni future a liberarsi dalla povertà e rimane appassionato a migliorare le vite delle famiglie del villaggio di Lolei.

 

 

Mr. Yany Yoeurm - Co-fondatore e capo del programma di sensibilizzazione è conosciuto affettuosamente come Mr. Ver. Yany è un membro molto dedicato e apprezzato del team. Può insegnare inglese, tailandese e Khmer ai bambini piccoli della scuola. Orfano fin da piccolo, è rimasto nel monastero di Lolei da quando era un ragazzino. La sua vita è stata difficile ed ora vuole aiutare i bambini ad avere un futuro migliore. Yany aiuta varie comunità offrendo cibo e servizi a coloro che hanno veramente bisogno di aiuto. Vuole fare amicizie e ha molti amici in tutto il mondo. Crede molto nel suo lavoro ed è sempre pronto a fare di più per aiutare.

 

 

 


I PROGETTI

EDUCAZIONE: LIBRERIA

ALA mantiene una biblioteca in lingua inglese e Khmer presso la scuola, ed è disponibile per lezioni e ulteriori letture per gli studenti. Attraverso la generosità di molti amici, ciò che è iniziato nel 2012 come una piccola biblioteca, è ormai diventato una risorsa preziosa. Uno dei nuovi progetti è la costruzione di una nuova biblioteca. Stanno cercando nuovi libri, in particolare libri di testo in inglese. Sperano che con l'aggiunta di nuovi titoli, gli studenti potranno imparare meglio durante il loro tempo libero.

 

 

PROGRAMMA ALIMENTARE

Povertà e fame rimangono problemi gravi per le famiglie povere di Lolei. Ci sono 178 famiglie indigenti che vivono nel Comune di Bakong, afflitte ogni giorno da fame e malnutrizione, perché non possono permettersi di acquistare abbastanza cibo o di ottenere l'approvvigionamento agricolo necessario per far crescere le colture. Nel 2011, dopo un censimento del numero di famiglie povere della zona, ALA ha istituito un programma alimentare per donare riso e altri generi alimentari a queste famiglie. Questo è un progetto critico perché tratta direttamente una delle esigenze più urgenti della comunità. A causa della fame, molti studenti sono tenuti fuori dalla scuola per lavorare come contadini o muratori, perpetuando così il ciclo della povertà.

 

 

SVILUPPO DELLA COMUNITÀ

La comunità di Lolei si trova a 14 km da Siem Reap. Ci sono quasi 329 famiglie e più di 2.000 persone che ci vivono. Oltre agli sforzi del governo cambogiano, un certo numero di organizzazioni e volontari locali sono uniti per aiutare i residenti, tra cui l'Angkor Legacy Academy (ALA). Ci sono persone chiave, riunite in un comitato, che favoriscono la partecipazione degli abitanti del villaggio attraverso iniziative per il bene pubblico volte a sviluppare la comunità pur con risorse limitate.

ALA collabora attivamente con questo comitato per operare tutti i progetti. Trattasi di costruzione di strade, canalizzazioni, pozzi d'acqua nelle aree pubbliche, edifici scolastici, ponti, servizi igienici, giardini nelle scuole pubbliche e Cottages per persone senza casa.

 

 

FORMAZIONE PROFESSIONALE

Il programma di formazione professionale è stato creato con l'obiettivo di aiutare le persone della comunità. Alcuni adulti e giovani sono troppo vecchi per tornare alla scuola regolare, ma hanno ancora bisogno di abilità professionali per guadagnarsi da vivere. Ci sono diverse formazioni professionali offerte nel settore privato, tuttavia queste persone non possono permettersi di pagare le tasse richieste. Pertanto, ALA sta cercando sponsor per contribuire a finanziare il programma di formazione professionale che istituirà, con l'aiuto e la cooperazione di questi istituti privati.

Si sta lavorando per poter offrire questi corsi professionali:

• Sarti
• Meccanici
• Estetiste

La spesa necessaria per frequentare uno di questi corsi è di circa 750/850 Dollari.

 


POSSO AIUTARE?

 

In un paese come la Cambogia le esigenze sono infinite, ed aiutando associazioni come l'ALA è possibile sostenere concretamente la popolazione più bisognosa non solo con una carità fine a se stessa, ma contribuendo a progetti di sviluppo volti a migliorare fattivamente il futuro delle persone.

Se avete in programma di andare in Cambogia per turismo od altro, potete visitare il Lolei village, è facilmente raggiungibile di Siem Reap, la capitale turistica del paese, dove si passa sempre obbligatoriamente. Verrete accolti amichevolmente dalla popolazione, e potrete portare qualcosa per aiutare.

C'è sempre bisogno di riso, abiti, quaderni, penne, matite, spazzolini da denti, sapone, shampoo e qualsiasi altra cosa che possa servire a persone che non hanno niente. Potete anche fermarvi qualche giorno per svolgere attività di volontariato.

E' possibile aiutare con donazioni in denaro dall'Italia. Attualmente in Cambogia non è possibile utilizzare Pay Pal e i metodi di invio di denaro più immediati sono bonifico bancario internazionale, Western Union e Moneygram. Se volete ulteriori informazioni potete scrivere direttamente al Sig. Sok (sovannarith.ala@gmail.com) in inglese, oppure direttamente a me (contact@francescodazzi.com)

 

 

Young students in classroom at Lolei Village Cambodia kidsYoung students in classroom at Lolei Village

 

 

 

 

 


Nusfjord, Isole Lofoten

May 01, 2017  •  Leave a Comment

Nusfjord è un sorprendente villaggio di pescatori situato nell'isola di Flakstadøya, nell'arcipelago delle Lofoten, in Norvegia.

Le Lofoten sono considerate, a ragione, uno dei posti più belli del mondo da visitare, e quello che posso dire è che sono certamente il posto più bello della Norvegia. Gli scorci che si possono vedere sono di una bellezza incredibile e i villaggi sono perfettamente incastonati in uno scenario naturale incontaminato. Nusfjord fra questi villaggi è certamente unico perchè, oltre ad essere uno dei più antichi e meglio preservati, non è più abitato stabilmente, ma lo si può considerare ormai come un museo a "cielo aperto". Essenzialmente è composto da un porto molto piccolo, e da una serie di rorbu tradizionali, le caratteristiche casette rosse abitate un tempo dai pescatori.

 

The Nusfjord harbor Lofoten village landscapeThe Nusfjord harborNusfjord is one of the oldest and best preserved fishermen's villages in Norway. It is located on the Lofoten Islands and belongs administratively to the municipality of Flakstad.

Nusfjord at present is not a village permanently inhabited but rather a museum. You can still stay in a traditional rorbu.

The Nusfjord harborThe Nusfjord harborNusfjord is one of the oldest and best preserved fishermen village of Norway. It is located on the Lofoten Islands and administratively belongs to the municipality of Flakstad. Nusfjord has been designated by UNESCO in 1975 as a pilot project to preserve the traditional Norwegian architecture.

Nusfjord is currently not inhabited permanently but rather a museum. It is still possible to stay in a traditional rorbu.

 

Queste rorbu sono la caratteristica peculiare del villaggio. Per i turisti è possibile soggiornare in una di queste casette rosse, immaginando per un giorno di essere pescatori, anche se ormai non sono più spartane come quelle usate un tempo, ma sono dotate di ogni comodità.

 

Rorbu in Nusfjord lofoten norway landscapeRorbu in NusfjordRorbu is a Norwegian traditional type of seasonal house used by fishermen, normally located in a fishing village. The buildings are built on land, but with the one end on poles in the water, allowing easy access to vessels. The style and term is used along the coast of Western Norway and Northern Norway, and is most common on Lofoten and northwards to eastern Finnmark. The use of rorbu for fishing has diminished and the style of housing is now largely used to rent out to tourists.

From Wikipedia

 

Soggiornare quì è molto suggestivo, si può approfittare della pace e del silenzio che offrono questi luoghi, caratteristica ormai perduta nelle nostre caotiche città. Inoltre si è spettatori privilegiati dello spettacolo più bello del mondo: la natura.

 

Sunrise time in Nusfjord Lofoten NorwaySunrise time in NusfjordNusfjord is one of the oldest and best preserved fishermen village of Norway. It is located on the Lofoten Islands and administratively belongs to the municipality of Flakstad. Nusfjord has been designated by UNESCO in 1975 as a pilot project to preserve the traditional Norwegian architecture.

Nusfjord is currently not inhabited permanently but rather a museum. It is still possible to stay in a traditional rorbu.

 


Mandala

November 01, 2016  •  Leave a Comment

Se si è fortunati, durante un viaggio in Ladakh, può capitare di assistere alla creazione, da parte dei monaci, di un Mandala di sabbia.

Il Mandala (dal Sanscrito cerchio / ciclo) a prima vista sembra una composizione artistica, è disegnato con sabbie colorate ed è molto elaborato, con forme geometriche ripetute, e colpisce gli occhi prima che la mente.

Ma è soprattutto un simbolo spirituale che rappresenta, nel Buddhismo, l'universo, o meglio il processo di formazione dell'universo dal suo centro. Assume anche un forte significato rituale: la sua costruzione rappresenta uno spazio sacro dove è facilitata la meditazione e la concentrazione, e di conseguenza il distacco dal mondo materiale. 

Però lo scopo finale della creazione di un Mandala di sabbia è la sua distruzione. Formato da milioni di granelli di sabbia colorata, necessita di molto tempo per essere completato, ma inesorabilmente verrà distrutto poco dopo la sua ultimazione. Perchè?

La distruzione del Mandala rappresenta il centro della filosofia buddhista: l'impermanenza di tutte le cose. Tutte le cose di questo mondo, non importa quanto siano belle o con che intenzioni vengano fatte, sono per loro natura sempre a rischio di essere spazzate vie in un istante. Ma la forza distruttrice è anche forza che dà la vita, la morte porta sempre con se anche il rinnovamento della vita.  

 


 

Un Mandala nelle prime fasi della sua creazione, da parte dei monaci del monastero di Diskit, in Ladakh:

 

Monks working on mandala in Diskit monastery Ladakh IndiaMonks working on mandala in Diskit monasteryA mandala is a spiritual and ritual symbol in Indian religions, representing the universe. In common use, "mandala" has become a generic term for any diagram, chart or geometric pattern that represents the cosmos metaphysically or symbolically; a microcosm of the universe.

The basic form of most mandalas is a square with four gates containing a circle with a center point. Each gate is in the general shape of a T.

In various spiritual traditions, mandalas may be employed for focusing attention of practitioners and adepts, as a spiritual guidance tool, for establishing a sacred space, and as an aid to meditation and trance induction.

From Wikipedia

Monk working on mandala in Diskit Gompa LadakhMonk working on mandala in Diskit GompaMandala (Sanskrit Maṇḍala, 'circle') is a spiritual and ritual symbol in Indian religions, representing the universe. The basic form of most mandalas is a square with four gates containing a circle with a center point. Each gate is in the general shape of a T. Mandalas often exhibit radial balance. The term appears in the Rigveda as the name of the sections of the work, but is also used in other religions and philosophies, particularly Buddhism.

In various spiritual traditions, mandalas may be employed for focusing attention of practitioners and adepts, as a spiritual guidance tool, for establishing a sacred space, and as an aid to meditation and trance induction.

From Wikipedia

 


Il triciclo di Shinichi

August 06, 2016  •  Leave a Comment

Hiroshima, 6 Agosto 1945. Shinichi Tetsutani (3 anni e 11 mesi) amava andare su questo triciclo. Quella mattina, era in sella davanti alla sua casa, quando, in un lampo improvviso, è stato gravemente ustionato. È morto quella notte. Il padre pensava fosse troppo giovane per essere sepolto in una tomba solitaria lontano da casa, e pensando che potesse ancora giocare con il triciclo, seppellì Shinichi con il triciclo nel cortile di casa.

Nell'estate del 1985, quarant'anni dopo, il padre ha riesumato i resti di Shinichi e li ha trasferiti nella tomba di famiglia.

Questo triciclo e casco, dopo aver dormito per 40 anni nel cortile con Shinichi, sono stati donati al Museo della Pace di Hiroshima.

 

Tricycle and metal helmet of Shinichi Tetsutani HiroshimaJjapanTricycle and metal helmet of Shinichi TetsutaniShinichi tetsutani (then 3 years and 11 months) loved to ride this tricycle. That morning, he was riding in front of his house when, in a sudden flash, he and his tricycle were badly burned. He died that night. His father felt he was too young to be buried in a lonely grave away from home, and thinking he could still play with the tricycle, he buried Shinichi with the tricycle in the backyard.

In the summer on 1985, forty years later, his father dug up Shinichi's remains and transferred them to the family grave.

This tricycle and helmet, after sleeping for 40 years in the backyard with Shinichi, were donated to the Peace Memorial Museum.

http://www.pcf.city.hiroshima.jp/index_e2.html

 


Surrealismo in Namibia

June 12, 2016  •  Leave a Comment

Non è la prima immagine dell'Africa a cui uno pensa, di solito il primato va ai safari, ma è in Africa che si trova uno dei posti più suggestivi del pianeta: il Dead Vlei.

Situato nella parte meridionale della Namibia, all'interno del Namib-Naukluft, fa parte della più vasta area chiamata Sossusvlei,  e da solo vale il viaggio in questa remota area d'Africa. Era un oasi di acacie alimentata da un fiume che poi mutò il suo corso in seguito al movimento delle dune di sabbia da cui era circondata, trasformandosi in quello che si vede oggi: una vasta depressione dal fondo bianco, circondata da alte dune arancioni costellata da alberi morti di acacia dal tronco quasi nero. 

 

View of Deadvlei in early morning sossusvlei namibia desertView of Deadvlei in early morningDeadvlei is a white clay pan located near the more famous salt pan of Sossusvlei, inside the Namib-Naukluft Park in Namibia. Also written DeadVlei or Dead Vlei, its name means "dead marsh" (from English dead, and Afrikaans vlei, a lake or marsh in a valley between the dunes).

Dead Vlei has been claimed to be surrounded by the highest sand dunes in the world, the highest reaching 300-400 meters (350m on average, named "Big Daddy" or "Crazy Dune"), which rest on a sandstone terrace.

https://en.wikipedia.org/wiki/Deadvlei

 

Questi tre colori offrono un incredibile contrasto e gli alberi disegnano ombre gotiche sul fondo del vlei.  Il silenzio totale completa l'esperienza sensoriale e spirituale intensa che questo luogo riesce ad offrire, favorendo l'immersione in una realtà peculiare che solo qui è possibile trovare.

 

Dead acacia tree in Sossusvlei Pan namibia africa landscapeDead acacia tree in Sossusvlei PanSossusvlei (sometimes written Sossus Vlei) is a salt and clay pan surrounded by high red dunes, located in the southern part of the Namib Desert, in the Namib-Naukluft National Park of Namibia. The name "Sossusvlei" is often used in an extended meaning to refer to the surrounding area (including other neighbouring vleis such as Deadvlei and other high dunes), which is one of the major visitor attractions of Namibia.

 

     Sossusvlei africa namibia desert arid tree dune landscapeSossusvlei areaSossusvlei (sometimes written Sossus Vlei) is a salt and clay pan surrounded by high red dunes, located in the southern part of the Namib Desert, in the Namib-Naukluft National Park of Namibia. The name "Sossusvlei" is often used in an extended meaning to refer to the surrounding area (including other neighbouring vleis such as Deadvlei and other high dunes), which is one of the major visitor attractions of Namibia.

 

 


Il bento (お弁当)

May 15, 2016  •  Leave a Comment

Nella società Giapponese è abbastanza comune vedere persone che durante la pausa pranzo oppure alla sera, ad esempio sul treno, mangiano il "bento".

Non si tratta di un alimento o di un tipo di cucina ma di una scatola con coperchio divisa in scomparti che separano i cibi differenti e che si presenta in varie forme e dimensioni, confezionato in maniera molto gradevole e che può contenere infinite combinazioni di cibo, con il riso comunque sempre presente. Si possono trovare nei "bento -shop" diffusi sopratutto nelle stazioni ferroviarie (in questo caso si chiama ekiben) e negli aeroporti, oppure nei negozi di quartiere (konbini) e nei supermercati. E' ancora comunque molto diffusa l'usanza di prepararlo a casa per poi consumarlo a scuola oppure in ufficio. Viene preparato con molta cura e dedizione, in modo da risultare prima di tutto gradevole e carino (kawaii) alla vista, specialmente quando è preparato per altre persone, in modo da dimostrare rispetto e sentimenti positivi verso l'altro. Assume quindi una forte valenza simbolica e comunicativa che va al di là del puro aspetto alimentare, e che, come quasi tutto in Giappone, deve farsi rappresentante dell'armonia, della pace e dell'equilibrio.

 

Bento shop in Tokyo station Japanese FoodBento shop in Tokyo stationBento is a single-portion takeout or home-packed meal common in Japanese cuisine. A traditional bento holds rice, fish or meat, with pickled or cooked vegetables, usually in a box-shaped container. Containers range from disposable mass produced to hand crafted lacquerware. Bentos are readily available in many places throughout Japan, including convenience stores, bento shops, railway stations, and department stores.

https://en.wikipedia.org/wiki/Bento

 

 

Archive
January February March April May (2) June (1) July August (1) September October November (1) December
January February March April May (2) June July August September October November December